C'era una composizione pittorica segreta?

Il miglior segreto è quello di cui non sei nemmeno a conoscenza.

Paul Valéry

In effetti, la domanda completa sarebbe:

"I pittori dall'antichità ai tempi moderni avevano un segreto

comporre i loro quadri? "

Personalmente penso che ci fosse il desiderio di mantenere segrete le regole e le tecniche di composizione che svelo qui grazie all'archeologia pittorica. Ma questo è solo il mio punto di vista, questa domanda deve essere risolta dagli storici dell'arte. Non sono qualificato in questo settore per poter parlare legittimamente .

Per illustrare le domande e il problema che ciò pone, trascrivo qui una conversazione che ho avuto su questo argomento nel 2014 con tre direttori di musei francesi di cui non dirò i nomi.

Conversazione con un direttore del museo

Un direttore del museo:

- Ho sentito che hai presentato un discorso sulla pittura sotto forma di conferenza?

 

Guy Mauchamp:

- Sì Ho organizzato nella primavera del 2013 uno spettacolo-conferenza il cui titolo è "L'arte segreta dei pittori".

 

direttore

- Beh, dici "L'arte segreta dei pittori"? C'è un segreto per i pittori? Ma sarebbe noto se ci fosse un segreto sulla pittura, giusto? Potrebbero esserci ancora alcuni dettagli da scoprire, ma nel complesso sappiamo già molto nel campo della storia della pittura!

 

GM

- In realtà dell'arte segreta, parlo più precisamente dell'arte della composizione pittorica. Vale a dire, come i pittori hanno organizzato, costruito, strutturato le loro composizioni grafiche.

 

- Dai, la composizione pittorica è già ampiamente citata nelle opere sulla pittura. E sappiamo praticamente tutto su questo argomento, giusto?

 

- Fai attenzione a non confondere le molte opere antiche che si occupano delle proporzioni del corpo umano o della prospettiva. Con contro non c'è nulla, nessun vecchio lavoro sulla composizione pittorica. Sembra essere coperto da un segreto che nasconde i suoi aspetti principali.

 

- Come va! Un segreto della composizione pittorica! Tuttavia, oggi sarebbe noto se ci fosse stato un segreto sulla composizione. Con moderni mezzi di indagine, foto a raggi X, spettrografia nucleare e cosa no, molti specialisti scientifici hanno già visto tutto quello che c'era da vedere! Forse la tua immaginazione è solo traboccante ...

 

- Sì, capisco il tuo stupore, ma come disse Paul Valéry, "Il miglior segreto è quello di cui non siamo nemmeno a conoscenza". Se gli specialisti non sono a conoscenza di determinati schemi da cercare, semplicemente non li identificheranno. Se li avessero persino visti, non li avrebbero elencati come indizi da trattare o come l'inizio di nuove indagini. È il problema della mancanza di un modello mentale che diventa il freno.

 

- Ti garantisco. Ma questo significa che tu hai nuove apparecchiature elettroniche complesse che ti permetterebbero di vedere nuovi dati scientifici?

 

- No. Al contrario! Al contrario, ciò che osservo nei tavoli sono elementi umili, discreti e talvolta minuscoli che, senza essere nascosti, non attirano l'attenzione perché non sono visti come indizi.

 

- Mi incuriosisci. Vuoi dire che hai elementi concreti e oggettivi che stabilirebbero qualcosa di nuovo sulla composizione pittorica?

 

- Assolutamente ! E ho più elementi materiali osservabili del necessario per gettare le basi per una teoria verificabile e riproducibile. Il mio problema è chiarire che esiste un segreto per i pittori di cui sarebbe interessante rendersi conto.

Guy Mauchamp au Louvre - Photo Meriem Bentahar

- Per la difficoltà di farti sentire ... che ho capito. Ci sono così tante persone che avanzano teorie che in realtà sono solo proiezioni personali ... Possiamo solo essere sospettosi! Ma cosa pensi dovrebbe essere consapevole della composizione dei pittori?

 

- Il primo passo sarebbe quello di essere aperti considerando che non sappiamo tutto sulla composizione pittorica. Ammettere che c'è ancora molto da scoprire su questo argomento sarebbe già un passo decisivo per avvicinarsi alla struttura di un'opera.

La fase di composizione è stata troppo trascurata dagli specialisti, addirittura confutata sostenendo che è l'ispirazione, l'istinto o il talento dell'artista che fanno tutto. Raphaël aveva tuttavia scritto che "tutto è nella composizione". E con ciò che aggiorno grazie all'archeologia pittorica, comprendiamo che questo "tutto" riguarda principalmente la narrazione all'interno dell'opera, la connessione, lo svolgersi di una storia con un'immagine fissa .

 

- Questa parte sarebbe per l'aspetto segreto di cui parli?

 

- Sì Inoltre, vorrei che gli storici dell'arte ne discutessero, perché non è la mia specialità. Non posso permettermi di dire che c'era un desiderio di mantenere un segreto da parte dei pittori. L'unica osservazione che faccio è che né i pittori che hanno scritto, né gli storici dell'arte in passato hanno sollevato questo argomento, per quanto decisivo.

So solo che nel corso delle generazioni, l'insegnamento degli insegnanti agli studenti è stato trasmesso oralmente all'ombra dei seminari.

 

- E se ci fosse un segreto sarebbe ...?

 

- ... che i pittori usavano per le loro composizioni di regole e tecniche rigorose e precise, semplici e complesse allo stesso tempo. Più che regole e tecniche, era in effetti un'intera concezione dell'arte, un modo di connettersi, di relazionarsi nel tentativo di raccontare una storia.

 

- Puoi chiarire quando parli di regole, non riesco a vedere.

 

- È possibile tracciare un parallelo con un'altra arte che tutti conoscono: la poesia. I poeti hanno inventato regole di scrittura molto rigide e restrittive. Le poesie sono costruite con piedi e rime. Questa tecnica dà loro una musicalità, un ritmo per abbellire le loro parole. Ciò non ha mai impedito di esprimere il loro talento, sembra addirittura il contrario; queste regole sono un supporto, un canale per l'ispirazione del poeta.

Lo stesso vale per i pittori che hanno inventato una serie di regole di composizione rigorose e restrittive. Hanno tracciato una rete di linee che ha permesso loro di garantire un'estetica, di incanalare la loro ispirazione e soprattutto di mettere tutto in contatto per dire qualcosa.

 

- Ma poi vedi linee di composizione ovunque nei tavoli?

- No, non più di quanto conti i piedi dei vermi quando ascolti una poesia. Ti lasci trasportare dall'armonia e dal senso generale. È solo appoggiandosi sull'analisi di un'opera, sulla sua composizione, che le linee delle composizioni appaiono e consentono una migliore comprensione.

 

- Se lo consenti, un'ultima domanda: cosa ti motiva così tanto in questa ricerca?

 

- Il fatto di capire e vedere veramente mi permette di apprezzare meglio la bellezza di un'opera. Questo lavoro mi invita a entrare in una relazione delicata con la pittura e anche in una sorta di intimità con il suo autore. Sia con Raphaël, Léonard de Vinci, Titien, Ingres o Courbet, quando le loro idee riappaiono davanti ai miei occhi stupiti, ho l'impressione di essere al loro fianco, nel loro laboratorio.

Ma l'elemento principale che mi spinge davvero in questa ricerca è che i pittori usano costantemente nelle loro composizioni di collegamenti, relazioni tra i loro personaggi. Mettono in atto una filosofia di legame che significa che nessun personaggio, e nemmeno nessun oggetto è isolato, separato dal resto. Tutto è connesso, tutto dipende dal tutto e ha un senso, come nell'universo e semplicemente come nelle nostre vite.

Vedere questi collegamenti al lavoro nei quadri mi riunisce e dà un significato profondo alla mia ricerca.

 

Guy MAUCHAMP

 

Per quanto riguarda la questione di un segreto compositivo nella pittura, il pittore e scrittore Jacques Villon scrisse nel 1963:

 

"Nel caos pittorico di questi ultimi anni, dove la liberazione esacerbata dell'istinto individuale raggiunge la frenesia, voler riconoscere le discipline armoniche che, in ogni momento, segretamente servivano da base per la pittura, potrebbe sembrare una follia.

Ma questa follia è saggezza. Conoscenza necessaria per coloro che vogliono dipingere. e necessario per chi vuole guardare. La cornice di un'opera è anche la sua poesia più segreta e più profonda. "