LA PROSPETTIVA NARRATIVA Parte 1

Ho inventato questa nozione di "prospettiva narrativa" sulla base di osservazioni concrete di prospettive rinascimentali.

Lo storico dell'arte Daniel Arasse aveva avuto l'intuizione di questa tecnica pittorica che ha definito l'incommensurabile disordine della prospettiva (1 ) senza tuttavia portare elementi tangibili di dimostrazione (per quanto ne so).

Anne Steinberg-Viéville (2) parla di una prospettiva sfrenata , fatta di errori volontari nella costruzione della prospettiva.

Sophie Guidon al Louvre (3) propone l'idea che i pittori giochino con la prospettiva come in "Noces de Cana" di Véronèse, ma basato su un disegno falso.

In effetti di disordine incommensurabile , o di prospettiva sfrenata , è possibile ricomporre, misurare e ordinare precisamente l'idea originale di composizioni meticolose della prospettiva narrativa.

Questa tecnica specifica includeva due, tre, persino quattro punti di fuga, come nella "Madonna col Bambino" di Botticelli di seguito.

Botticelli - Vierge à l'enfant - Petit

Botticelli - Madonna col Bambino - Petit Palais Avignon - I quattro punti focali che determinano le quattro linee dell'orizzonte - Foto e tracce © guymauchamp

Con queste prospettive multi-focali, lo scopo deliberato dei pittori è quello di creare un sentimento congruente con il tema dell'opera al fine di dare uno sguardo all'indicibile, al mistero, al miracolo.

Ecco perché questa filosofia pratica della prospettiva narrativa si trova principalmente nelle opere religiose.  

Perché la prospettiva narrativa non è conosciuta o vista? (secondo me!)

Prima di tutto, devi tenere presente un avvertimento preliminare solito tra gli archeologi:

in assenza di conoscenze pregresse e senza modelli, non sappiamo cosa cercare!

In particolare, la conoscenza che mancava è quella della tecnica per trovare la prospettiva narrativa e la conoscenza delle regole di composizione dei pittori.

Questo è il motivo per cui i ricercatori che hanno lavorato su vecchi dipinti per estrarre tecniche prospettiche sono talvolta vittime di un fenomeno comune di autoillusione. In effetti, tenendo presente che le linee di fuga teoricamente partono da un singolo punto focale, queste persone raggruppano nelle loro ricostruzioni inverse tutte le linee di fuga su un singolo punto che in realtà hanno immaginato. Il raggruppamento delle linee di fuga su un singolo punto viene eseguito senza verificare se corrisponde esattamente alle linee di prospettiva reali visibili nella tabella.

Nel caso della prospettiva narrativa, vale a dire multi-focale, è per mancanza di precisione e verifica nelle loro linee che alcuni ricercatori d'arte vanno fuori strada.

In effetti, le trame di composizione dei pittori del Rinascimento sono spesso molto precise e rigorose.

I pittori del Rinascimento giocano tra la perfetta illusione di rendere lo spazio con la sua prospettiva mono-focale

e una prospettiva che non è tecnicamente perfetta ma che offre un apperception , un mistero sensibile.

Come definire la prospettiva narrativa?

È davvero, con la prospettiva multi-focale, un'apertura e non una percezione. L'illusione di uno spazio reale reso grazie alla prospettiva lineare mono-focale è di solito ben percepita dallo spettatore. D'altra parte , lo sconvolgimento percettivo   creato dalla prospettiva multi-focale non consente di ricomporre l'illusione di uno spazio normale in tre dimensioni.

Guardare un'opera in prospettiva narrativa induce una sottile percezione, oltre la mente,

e che richiede un attento ascolto delle sensazioni che induce.

Come disegnare le vere linee di prospettiva?

Il metodo per trovare davvero le linee prospettiche di un'opera è semplice:

Dobbiamo tracciare ogni linea di volo alla cieca!

È con un computer che si può facilmente tracciare una dopo l'altra ciascuna delle linee di fuga senza rivelare quelle che abbiamo appena disegnato. Non avendo una guida visiva sul passaggio di una linea, è più facile rintracciare rigorosamente ciascuno di essi senza essere influenzato . Le linee devono essere il più sottili possibile e mostrare la linea di prospettiva dipinta.

È solo alla fine delle tracce che scopriamo visualizzando tutte le linee di fuga se si intersecano in un singolo punto o no.

 

Vediamo concretamente questo metodo con l'Annunciazione di Raffaello - 1504 - Vaticano.

 

Capture d’écran 2019-12-04 à 14.23.17.pn

Disegno di una prima linea di volo che poi nascondiamo ...

Capture d’écran 2019-12-05 à 13.27.40.pn

fino a rivelare   tutte le linee di dispersione da terra ...

Capture d’écran 2019-12-04 à 14.36.12.pn

... per disegnarne un altro senza vedere il primo. E così via

Raphael, Annonciation, ligne de fuite "terre"

... che consente di determinare una linea dell'orizzonte.

Ces lignes de fuite du sol (en vert) sont mono-focales, elles se rejoignent en un point central, ce qui permet de déterminer une ligne d'horizon.

Le même travail méticuleux se poursuit pour les lignes du ciel, en cachant les lignes de fuite du sol.

Capture d’écran 2019-12-05 à 13.51.23.pn

Disegno di una prima linea di volo in altezza ...

Raphael, Annonciation, ligne de fuite "ciel"

... idem per quanto riguarda le linee di terra, disegnate alla cieca ...

Raphaël - Annonciaton - Lignes de fuite de la perspective.

Quando compaiono le linee di volo, viene definito un punto focale centrale e consente di definire una linea di orizzonte ... Tranne il fatto che due linee di perdite sul terreno sono eluse da questa tecnica convenzionale: le due linee di volo situate sotto Gabriel (linee rosa sotto).

Queste due linee sono diverse da tutte le altre perché lavorano con la prima regola di composizione : punta l'occhio e la punta dell'ala della colomba inviata da Dio, così come le dita di Gabriele. C'è anche quello che chiamo un pennarello su un punto dell'abbigliamento di Gabriel (vedi la freccia rossa) che indica l'importanza di questa linea narrativa.

Capture d’écran 2019-12-05 à 18.07.36.pn

Queste linee rosa portano un messaggio diverso da quello della tecnica della prospettiva mono-focale. La tecnica della prospettiva lineare individua la scena in uno spazio umano, una rappresentazione della stessa natura di quella dello spettatore. D'altra parte, le linee eccezionali in rosa indicando la colomba, parlano di un'altra dimensione, un messaggio divino incommensurabile, lo Spirito Santo annunciato da Gabriele e che scende in Maria.

L'incrocio delle linee rosa consente di definire una seconda linea d'orizzonte che propongo di nominare la linea dell'orizzonte spirituale .

È interessante osservare la relazione di queste due linee dell'orizzonte con l'intera scena e la composizione:

Raphaël - Annonciation - Perspective avec une ligne horizon terrestre et une ligne horizon spirituelle.

I due punti di fuga sono posti al centro della colonna che simboleggia Cristo secondo l'iconografia cristiana (4). Questo pilastro tra terra e tetto è simbolicamente il legame tra terra e cielo e allo stesso modo, i due punti di fuga rappresentano, al centro di questa colonna, il simbolismo terrestre di questa scena e il simbolismo celeste del Annunciazione. La linea dell'orizzonte spirituale limita la cima delle montagne, Dio e la sua colomba sono sopra, in uno spazio incommensurabile.

La griglia armonica delle mediane (5) indica ciò che prima non si distingueva: questa colonna centrale non è posizionata esattamente al centro geometrico del formato. Questo processo, abbastanza comune nelle composizioni religiose, indica che la dimensione terrena non è mai perfetta e ha bisogno di un'altra dimensione per trovare il suo equilibrio, la sua completezza.

Finalmente per finire con questa limpida composizione di Raphaël, controlliamo ancora se queste linee ricomposte non sono il frutto della mia immaginazione. Per questo ho le altre regole e tecniche di composizione per installare la congruenza:

Raphaël - Annonciation - Deux lignes d'horizon et médianes congruentes avec les mesures dorées et la ligne de regard de Dieu

Le misure dorate (6) sono mostrate qui in giallo. Molto chiaramente, come spesso nelle composizioni di Raffaello, vediamo che la relazione aurea punteggia la composizione con la linea mediana e le due linee dell'orizzonte, e anche nei gesti simbolici di Dio e Maria.

La misura tra la linea terrestre e la linea spirituale, di valore 1, è quella della colomba e la distanza tra l'indice puntato verso il cielo di Maria e il suo occhio.

La misura tra l'indice puntato verso il cielo da Dio e il suo occhio è quella di Phi, ovvero 0,618 = il rapporto aureo.

La misurazione tra la linea di terra e la mediana è 1 + Phi

La misura tra la mediana e la base della colonna di Cristo è 2 + Phi.

La presenza di queste misure dorate e il loro incarico nella composizione sono completamente congruenti con il tema dell'Annunciazione.

Infine, la linea di sguardo (7) dell'anima di Dio (in rosso) punta all'occhio della sua colomba e un angolo preferenziale di sguardo a 45 ° (in arancione) punta alla linea dell'orizzonte spirituale sul bordo del formato.

Anche in questo caso, la tecnica della linea di vista è congruente con il tema dell'Annunciazione e conferma le linee precedenti di questa dimostrazione della prospettiva narrativa.

1: Daniel Arasse - The Italian Annunciation; una storia di prospettiva - 2010 - Hazan, Parigi,

2: Il video del Louvre mostra i punti di fuga del "Noce de Cana" di Veronese che non sono giusti. Di fatto non c'è orizzonte, neppure un punto di fuga in questa prospettiva empirica. Vedi https://www.youtube.com/watch?v=amKBxGfbNHg

3: https://www.louvre.fr/clefanalyses/representer-l-espace-avec-la-perspective#tabs

4: Dal IX secolo, la colonna appare come uno dei simboli noti di Cristo: Columna è Christus , "Cristo è una colonna". La colonna come collegamento tra terra e cielo, simbolo dell'eterno in quanto è già lì.

5: vedi il capitolo sulle griglie armoniche , tecnica di composizione

6: vedi il capitolo Misure d'oro , regola della composizione

7: vedi il capitolo sulle linee di vista , regola della composizione

La continuazione della prospettiva narrativa:

Questo primo approccio è solo una panoramica dei diversi aspetti della prospettiva narrativa.

Per saperne di più con Fra ANGELICO e Paolo UCCELLO, vai alla pagina:

Prospettiva narrativa parte 2

Opera protetta da copyright © guymauchamp U79J1B9 e un deposito presso SGDL Paris.