Prima regola di composizione: linee narrative

Ecco un video da non perdere perché descrive la prima regola di composizione che condiziona TUTTE le altre tecniche di composizione.

1 - Linee narrative dei pittori

Ecco il capitolo da non perdere!

In effetti, il funzionamento di queste linee di interesse condiziona tutte le altre regole e tecniche dell'arte della composizione dei pittori.

Aggiornare (come dicono gli archeologi) una linea di interesse è molto semplice:

Basta estendere una linea retta visibile in un'opera e annotare ciò che questa linea indicherà.

Le linee rette visibili in un'opera sono ad esempio un bastone, una spada, uno scettro, uno scalpello, una croce, ecc.

Il più delle volte l'estensione di queste linee visibili indica una parte del corpo di un personaggio.

 

Queste linee sono spesso osservate dall'antica Grecia e più frequentemente   tra i romani. Questo uso è continuato per secoli senza essere mai stato usato in modo improprio o dimenticato.

Affresco di Pompei su cui Cupido regge una spada

la cui estensione punta all'indice della donna

Ti suggerisco di osservare queste linee tu stesso, spostando il mouse sulle illustrazioni seguenti:

3 cups

Blueberries

3 cups

Blueberries

3 cups

Blueberries

3 cups

Blueberries

Grazie a questo lavoro essenziale, questi grafici su più di 300 oggetti rettilinei (1) (bastoncini, spade, stringhe, scettri, ...) elencati nel mio database puntano prima l'occhio, poi il pollice, l'indice ecc.

 

È essenziale sapere come funziona per comprendere tutte le regole e le tecniche di composizione. Ho sviluppato i dettagli da tenere a mente nella pagina "Punti di riferimento".

Tablo % pointés.png

Non sorprende che l'occhio sia al primo posto poiché siamo in un'arte visiva. Sembra che l'origine di questo processo risale al periodo antico, quando abbiamo considerato che "La visione è il primo dei sensi " secondo Platone.

Occhio e bocca per la parola sono i due sensi da menzionare in questo elenco. L'orecchio è raramente appuntito, solo quando il tema del dipinto è la musica. Il naso a volte è appuntito in scene che evocano ... sessualità o religione.

 

Questo database consente di passare dall'ipotesi a una teoria sulla composizione:

 

  • le linee rette visibili in un tavolo sono organizzate in base alla loro direzione prolungata sui punti preferenziali del corpo dei personaggi: occhio, pollice, dito medio, punta, bocca, seno, mignolo, dito indice, tallone, ombelico, sesso, gomito, naso.

 

 

Il funzionamento delle linee narrative è semplice, verificabile, riproducibile.


Questa prima regola è la base di riferimento per le altre tecniche di composizione.

Sono queste linee narrative che guidano l'occhio e offrono un senso di lettura.

 

In effetti, lo vedremo con gli angoli, le griglie armoniche, le misure dorate, le linee parallele: tutte queste tecniche di composizione sono condizionate dall'idea di base di puntare o posizionare i punti di riferimento sul corpo dei personaggi, questo in relazione al tema del dipinto.

DURER Jésus chez les docteurs - Lignes narratives

Albrecht Dürer - Gesù e i dottori - 1506

Le estensioni dei libri indicano gli occhi e le dita.

Cranach_edited.jpg

Lucas Cranach - Venere e Cupido (dettaglio) -

La corda indica il gallo di Cupido e il curioso dito di Venere

Con questo sistema estetico, è una FILOSOFIA DELLA COMPOSIZIONE:

si tratta di dare un senso di lettura creando collegamenti per poterlo dire.

Obiezione il tuo onore!

"Sì OBIEZIONE!" : tutti gli oggetti visibili non indicano necessariamente un punto nella prima regola.

Ad esempio in questo dipinto dell'Angola Bronzino la freccia sostenuta da Venere non indica nulla. Estendendo la linea della freccia, non fa nulla significativo incontro.

Bronzino Vénus et Cupidon - nan que vise la flèche de Vénus - Analyse,

Agnolo Bronzino - Venere e Cupido - 1540 -

La freccia di Venere non indica nulla di particolare in questa composizione.

Anche quello di Cupido!

In effetti, queste due frecce non indicano nulla di particolare che è visibile nella composizione.

Ma se consideriamo che i pittori non hanno fatto nulla a caso come ha sottolineato Plutarco, è cercando altre regole di composizione che possiamo scoprire oggettivamente come questa freccia assume un significato particolare.

È in particolare con la tecnica delle linee oblique parallele e anche con la tecnica delle griglie armoniche che possiamo osservare le scelte compositive del Bronzino.

BRONZINO Vénus et Cupidon grille de compostion et flèche de Vénus

Agnolo Bronzino - La freccia di Venere è parallela alla griglia di ½ diagonali. Questa griglia condiziona un occhio e un ombelico.

BRONZINO Composition les obliques parallèles

Agnolo Bronzino - Obliqui paralleli alla freccia di Venere condizionata dalla 1a regola di composizione

I punti evidenziati dagli obliqui della freccia e i punti della griglia appartengono alla prima regola di composizione e sono coerenti con il tema della tabella.

Questa Venere freccia si adatta bene in composizione con obliquo, dà lo stesso passo questa è la porta delle diagonali mezzo dà l'inclinazione.

Conclusione: quando un oggetto visibile non punta a qualcosa di particolare in una composizione, è certamente perché si collega in modo invisibile a una costruzione di composizione invisibile. Questa operazione è rilevabile solo da un'opera di "ricomposizione".

1: ci sono solo 300 oggetti elencati nel database della prima regola di composizione, ma in effetti posso dire di aver identificato diverse altre centinaia di oggetti che indicano un punto di riferimento sul corpo caratteri senza averli annotati in questo database.