Le diverse prospettive pittoriche

La prospettiva non si limita a mostrare, pensa.

Hubert Damisch (1)

In questo capitolo troverai prospettive, 6 pagine:

Prospettiva 1 - Prospettiva 2 - Prospettiva con Fra Angelico - Prospettiva narrativa con Léonard De Vinci -

Prospettiva singolare con Beruguette - Prospettiva giocosa

Non parlerei qui di tutte le forme di prospettive già perfettamente descritte dagli specialisti, come la prospettiva sprezzante, la prospettiva della profondità, la prospettiva atmosferica fatta di gradazioni di colori, ecc.

Chiunque sia interessato all'arte pittorica ha sentito parlare della prospettiva, anche senza conoscere i dettagli. Il principio di una rappresentazione della profondità con una linea d'orizzonte e un punto focale è un dato di fatto per tutti.

Théorie_perspective.png

La prospettiva artificiale , fu inventata e dimostrata dall'architetto e pittore fiorentino Filippo Brunelleschi nel 1415.

Vorrei solo avvicinarmi qui alla prospettiva disegnata in due dimensioni di una vera architettura in tre dimensioni.

Tuttavia, la consolidata conoscenza di questa tecnica, ma così poco rigorosamente controllata sui dipinti, ha portato alla scomparsa di messaggi insospettati da alcuni pittori del Rinascimento per i quali l'aspetto narrativo era più importante del rispetto di 'una tecnica.

A parte la prospettiva aerea e la prospettiva della profondità, così come un genere di minoranza che descriverei come una prospettiva giocosa, ci sono, secondo la mia ricerca, tre tipi di rappresentazione 2D dei volumi nella pittura antica:

1 - Prospettiva empirica

Sebbene vi sia il desiderio di rappresentare lo spazio, le linee di volo sono approssimative, non c'è linea di orizzonte.

Sotto, un cratere greco dei Niobidi (IV ° a.C.), e Van Der Weyden (1399-1464), sembrano tentare senza avere una regola precisa.

Questa prospettiva che è chiamata in latino "la vista dell'incrocio", consente di ripercorrere all'indietro la composizione del pittore. Possiamo vedere chiaramente che le linee prospettiche non rispondono a una tecnica rigorosa

Art grec - Cratère des Niobides - Louvre
Van der Weyden pas de perspec_edited.jpg

Prospettiva empirica con un cratere dipinto dei Niobiti - IV ° a.C. - e con Van der Weyden - XV secolo.

2- Prospettiva lineare

 

 

La tecnica geometrica di Bicci per rappresentare lo spazio è perfetta: le linee evanescenti (in blu per il cielo, in verde per la terra) convergono tutte su un unico punto focale che determina una linea dell'orizzonte.

La prima spiegazione geometrica e matematica della prospettiva è data da Léon Battista Alberti (1406-1472) nel suo trattato De Pictura (1435).

BICCI Perspective monofocale

3 - Prospettiva narrativa

A rigor di termini, non è più una tecnica rigorosa, ma piuttosto una modalità di espressione che gioca con regole rigide per dare la sensazione di altre dimensioni.

Ad esempio il pittore Del COSSA usa una tecnica in corso nel suo tempo con due linee d'orizzonte, una per il cielo (blu), una per la terra (verde). L'idea non doveva limitarsi alla tecnica e arricchirla per alimentare lo scopo del lavoro. Qui l'idea sarebbe quella di stabilire un legame tra cielo e terra, tra spirituale e umano con la nascita di un essere divino qui simboleggiato dalla colonna.

Vedi la pagina: guarda lentamente con la lumaca.

DEL COSSA, Annonciation, perspective narrative à deux lignes d'horizon.

Ti suggerisco di iniziare questa esplorazione della prospettiva narrativa nella pagina seguente:

LA PROSPETTIVA NARRATIVA parte 1

con l'Annunciazione del pittore Raphaël.

1: Hubert Damisch - L'origine della prospettiva - 2012 - Flamarion, Parigi